Parlami di Te

OLAN, il posto di gioco e di riparo da sole e pioggia. Un cilindro di cemento usato nella costruzione delle fontane


Questo primo articolo introduce il mio primo blog dedicato all’illustrazione ad acquerello. Da oggi ogni 1° giorno del mese troverete qui un bella storia che spero vi sarà d’ispirazione e di aiuto nella vostra crescita sia artistica che spirituale.
Voglio partire presentandomi come si deve, ma non solo! Allo stesso tempo vorrei che anche voi vi presentiate qui sotto nei commenti, perché si sa, parlare di sé aiuta a stabilire un legame, un punto di inizio per una relazione duratura. Da qui potrete decidere se mi amerete o mi odierete 😉

Mi chiamo Madalina e, mentre sto scrivendo questo blog, ho ancora 28 anni (per molto poco perché giusto a metà mese è il mio compleanno!).
Direte: Mah, un nome particolare, non propriamente italiano…

E avete ragione! Sono nata in Romania, in un piccolo villaggio chiamato Matca (in rumeno significa “regina delle api”) in mezzo a serre di pomodori e cetrioli, in un posto poco inquinato, sotto ad un cielo notturno pieno di stelle che riempiono gli occhi. Ho vissuto un’infanzia davvero felice e spensierata, quel poco che avevo era tutto ciò che avrei potuto desiderare. I miei genitori mi hanno sempre incoraggiata a studiare, a leggere e a giocare.

A scuola, le lezioni di arte erano molto semplici e devo dire che non stavo imparando molto, ma avevo iniziato a copiare le illustrazioni dei libri di fiabe oppure delle scatolette dei fiammiferi. Alle medie, la mia vita ha avuto un cambiamento radicale e non solo per il passaggio da un’età all’altra, ma soprattutto per il mio arrivo qui, in Italia.
Non volevo accettare quel cambiamento, non volevo allontanarmi dal mio paesino, dai miei nonni, dai miei amici, dalla mia scuola e dalle mie tradizioni. In quel momento capii che avevo vissuto in una cupola di vetro, protetta dalle difficoltà economiche e dalle relative conseguenze.

Ho trovato conforto nuovamente nell’arte. Nella nuova scuola ho conosciuto i grandi pittori del passato e ho scoperto materiali di qualità maggiore (le matite colorate Giotto e la carta Fabriano, per intenderci) che mi hanno permesso di realizzare proprio dei bei lavoretti! Devo sicuramente ringraziare la mia professoressa di arte che mi ha incoraggiata e spronata a fare sempre di più.

Tutto questo però non mi ha dato abbastanza fiducia in me stessa per intraprendere la strada di un liceo artistico. Ho preferito fare qualcosa di più “sensato” e che “sicuramente mi avrebbe procurato un bel lavoro” (su suggerimento dei miei genitori), ovvero il liceo linguistico. E’ lì che si è bloccata la mia matita. L’ho ripresa in mano solo quando mi hanno spinta a rappresentare la scuola in un concorso e, in particolare, nella sezione artistica. Sapevano della mia passione e hanno creduto in me..Hanno avuto ragione, perché sono riuscita a rappresentare il tema al meglio e a vincerlo.

L’università di economia ha definitivamente stroncato ogni speranza di riprendere a disegnare. Fu solo un paio di anni dopo, grazie ad un lavoro part time, che mi ritrovai ad avere finalmente del tempo LIBERO! Avevo iniziato ad utilizzare Youtube con uno scopo: divorare ore ed ore di video sull’acquerello e sull’illustrazione. Da lì in poi fu solo una discesa, i cui risultati li state vedendo giorno dopo giorno, in tempo reale, nel mio profilo di instagram @madalinartz.

Questa sono io, questo è il mio passato e presente e, assieme a voi, voglio costruire il mio futuro, ricco di arte e condivisione, ricco di opportunità e crescita! ♥ E voi, come vi siete avvicinati all’arte?

Sottoscrivi
Notify of
13 Comments
Meno recenti
Più recenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Fabbri Serena Elisa
Fabbri Serena Elisa
23 giorni fa

ciaooo Madalina mi è piaciuta molto la tua presentazione…ho scoperto che sei come ti avevo immaginata 💕 una dolcissima ragazza che si impegna ogni giorno per realizzare il suo bellissimo sogno …la tua tenacia e determinazione nel non abbandonarlo mai mi carica e sprona a fare altrettanto 💕 grazie grazie grazieee 😘 cosa posso dirti di me…anch’io come te avrei voluto fare il liceao artistico e non l’ho fatto per il solito lavoro e ho frequentato ragioneria…però il disegno è sempre stato il mio grande amore come si dice e finalmente qualche anno fa ho cominciato a studiare il disegno e lacquarello in particolare da autodidatta e a conoscere anche grazie a te questo fantastico mondo dell’illustrazione 😍grazieee ancora Madalina spero che tutti i nostri sogni si realizzino un giorno😊💕💕

Madalina
Madalina
23 giorni fa

Cara Serena, prima di tutto ti ringrazio per la tua presenza qui e per le dolcissime parole😍 nonostante i percorsi diversi abbiamo una costante in comune, la nostra passione per l’illustrazione. Essendo così forte questa passione, non conta se non si materializza in un lavoro vero e proprio, l’importante è che riusciamo sempre a coltivarla.
A sua volta, ci regalerà bellissime emozioni ☺️

Stefania Binni
Stefania Binni
23 giorni fa

Grazie di aver raccontato la tua storia, avevo capito dalla delicatezza dei tuoi disegni che avevi un anima gentile ed ora che ti vedo bambina e so tt il percorso che hai fatto per poterti esprimere come volevi ti capisco ancora di più, spero che l’Italia sia diventata una seconda casa per te e che noi italiani siamo stati con te gentili ed accoglienti. Credi in quello che fai. Quando parlavi delle matite Giotto e della carta mi hai fatto ricordare quando da bambine io e mia sorella passavamo interi pomeriggi a disegnare:lei faceva bellissime principesse io le coloravo. Non sono un artista, non so disegnare, mi è solo sempre piaciuto colorare e restare nel mondo meraviglioso dei colori degli acquarelli di quella poesia… ti seguo da circa un anno perché le tue “ragazze” il tuo stile un po’ manga, la tua pacatezza ed il modo impeccabile e serio in cui spieghi le cose mi incantano. Ora che ti sei raccontata ti vedo anche come persona e ti sento vicina al mio animo. Io non sono un artista e magari non potrò ispirarti ma amo l’arte e ciò che ci trasmette e so riconoscere
un’artista come te.
come nel “paese delle Api” ogni giorno una scoperta❤️

Madalina
Madalina
23 giorni fa
Rispondi a  Stefania Binni

Stefania,le tue parole mi hanno commossa.. 😭 Hai un’anima sensibile e sicuramente tra questi articoli ci saranno cose che ti ispireranno, non solo dal punto di vista artistico. Siamo persone prima di tutto e se non siamo in pace con noi stesse, non lo siamo nemmeno con il mondo. Sí,l’Italia è la mia casa ormai, ma non dimenticherò mai la mia infanzia e i miei preziosi ricordi. A volte mi sembra di avere 80 anni a forza di rievocare episodi del passato 😄 Sono convinta che i cambiamenti per quanto dolorosi ci arricchiscano e ci facciano conoscere più sfaccettature della vita. Che dire, benvenuta nel Paese delle Api ☺️🐝

Stefania Binni
Stefania Binni
22 giorni fa
Rispondi a  Madalina

Grazie😍

Graziella
Graziella
23 giorni fa

Che dire. Sono Graziella e la mia passione per l’arte nasce dall’adolescenza come rifugio e come sfogo. Anche io ho scelto studi che non erano probabilmente nelle mie corde come un liceo scientifico e una laurea in informatica. Solo 2 anni fa pero’ sono riuscita a tornare a disegnare e ho scoperto l’acquerello ed e’ stato amore e odio , qualcosa che mi ha cambiato la vita e per ora mi rilasso e mi diverto ad acquerellare e sto cercando di recuperare il tempo seguendo e studiando il disegno e tutte le basi che non ho mai avuto. Ho 56 anni e so che non e’ mai troppo tardi per vivere la propria vita con calma e gioia e la meditazione delle campane tibetane e il Reiki mi stanno portando in quella direzione e mai come ora l’acquerello diventa terapeutico. Spero di non avervi annoiata e tanta gratitudine a tutti

Madalina
Madalina
23 giorni fa
Rispondi a  Graziella

Cara Graziella, benvenuta nel nostro gruppo! ☺️ Nonostante i tuoi studi diversi, ti faccio notare questa cosa: per fare arte non basta solo l’arte, servono anche conoscenze trasversali per stare sui social,per vendere, per farsi valere nel caso di plagio ecc. Quindi sicuramente qualcosa ti tornerà utile. Prima di tutto è importante che acquerellare ti faccia star bene❤️ Se ti sei approcciata alla meditazione, sicuramente il prossimo articolo ti piacerà! ☺️ 🌺

Cristy
Cristy
23 giorni fa

Cara Madalina che emozione leggere la tua storia e vedere questa illustrazione che ci porta nei tuoi ricordi più personali. Sono molto grata a te per quello che condividi con tanta passione, dedizione e con tanta generosità. Quando ero piccola disegnavo sempre, mi veniva naturale esprimermi così per immagini ma non ho fatto nessuna scuola e in famiglia non hanno mai visto di buon occhio queste mie manie. Così ci sono stati altri studi e lavoro e poi tante vicissitudini e sono tornata alle matite e ai colori solo da un paio d’anni dopo tanti problemi di salute perché l’arte mi ha salvata dal baratro. Lo devo a te ed ad altri artisti che mi avete fatto sognare ancora e ritrovare i colori che avevo perso dentro. Ho capito subito che tu sei un’artista speciale e meriti di volare in questo mondo. Questo blog è bellissimo e da una nuova forza agli acquerelli perché c’è dentro il tuo cuore.

Madalina
Madalina
22 giorni fa
Rispondi a  Cristy

Cristy, hai una storia davvero emozionante! 😍 L’arte come cura non mi è un sentimento nuovo anzi.. Spero che qui troverai conforto spirituale e artistico. Il mio obiettivo non è infatti quello di scrivere solo di tecniche o rivolgermi solo a chi vuole fare questo di professione, ma ispirare tutte le persone a cercare uno stato d’animo sereno e una vera passione. Grazie di esserci anche in questo gruppo ❤️

Lia
Lia
22 giorni fa

Ciao!
Grazie per aver condiviso la tua bellissima storia ♥️
Io ho potuto studiare arte ma devo dirti che non sono state rose e fiori, infatti poi ho fatto scelte lavorative diverse. Gli insegnanti spingevano i miei compagni maschi ad applicarsi in lavori pratici, artistici, magnificavano molto le loro doti vere o presunte e le ragazze più verso il restauro o lo studio dell’architettura e della storia dell’arte. Nessun insegnante comunque ci ha mai incoraggiati a diventare artisti, anzi ci dicevano che al massimo avremmo potuto fare i madonnari (quelli che dipingono le Madonne sui marciapiedi chiedendo monetine)… Insomma, benché fare arte non mi abbia mai abbandonata ho sempre creduto, ingenuamente, più alle incertezze altrui che alla mia certezza di volere, da sempre “fare la pittrice”, come scrissi sul quaderno di scuola a sei anni!
Complimenti per la serenità che trasmettono le tue illustrazioni!

Madalina
Madalina
22 giorni fa
Rispondi a  Lia

Ciao Lia e benvenuta qui! ☺️ Non sei la prima a dirmi che gli studi accademici hanno sortito l’effetto contrario..questo può essere d’aiuto a chi pensa di non poter fare il pittore perché non ha fatto gli studi giusti. Io ho creduto molto nella pratica e nello scegliere da me i corsi e i tutorial che mi avrebbero veramente aiutata. Nelle scuole invece le scelte che puoi fare sono veramente poche. Ti consiglio di usare comunque tutto quello che hai imparato e di scegliere la tua direzione e crederci! Spero che, con la mia arte e consigli, potrò essere un tassello in più nella tua crescita artistica ☺️

ArteSerena
ArteSerena
10 giorni fa

Ciao Madalina, che meravigliosa scoperta sei stata, una delle prime che ho cominciato a seguire quando mi sono iscritta su Instagram; non volevo usare i social fino a un po’ di tempo fa perché non credevo di poter trovare qualcosa di affine a me.
Innanzitutto hai un nome dal significato bellissimo e poi permettimi di dire che ti ho sempre vista come una fatina dell’acquerello, sempre dolce, gentile e profonda.
Questo blog è stata una bellissima idea, mi piace molto e ti rispecchia ancora di più!

Rispondo alla tua richiesta:
Fin da piccola dicevo che avrei fatto la pittrice, anche se non sapevo bene in cosa consistesse!
Dalle superiori in poi ho intrapreso gli studi artistici, ma sempre dettati da “questo ti farà trovare lavoro, dipingere no”, così ho scelto l’istituto d’arte indirizzo oreficeria, certo ho imparato tutte le basi ma non mi piaceva creare gioielli.
Poi ho fatto l’accademia di belle arti indirizzo beni culturali e restauro, scartando quello di pittura che amavo, e così sono arrivata alla crisi esistenziale dovuta anche a riforme scolastiche distruttive per il mio campo.
Finalmente mi sono iscritta alla specialistica in pittura, ma gli insegnanti mi hanno lasciata sola perché avevo fatto un triennio diverso, così mi sono ritirata.
Mi sono sentita fallita.
Ma poi ho trovato un’accademia in cui studiare illustrazione e finalmente adesso mi sento proiettata nel mondo che sognavo, faccio ciò che mi piace, che per me è terapeutico e meditativo, un balsamo per la psiche.
Seguendo tanti artisti, insegnanti e leggendo libri davvero formativi, mi sono sentita rinascere. Il confronto costruttivo con gli altri fa capire come siamo tutti fragili, ma col desiderio di trovare il posto felice e quindi di impegnarsi per raggiungere gli obbiettivi.

Mi fa piacere leggere commenti di persone in cui ritrovo un po’ di me stessa.
Scusate la lungaggine.

Madalina sei una fonte di ispirazione te lo assicuro, stupenda, grazie! <3

Madalina
Madalina
10 giorni fa
Rispondi a  ArteSerena

Cara Serena, la tua storia è davvero bella e travagliata. Hai davvero attraversato diversi percorsi artistici e finalmente sei approdata a qualcosa che senti tuo. Penso che nella vita torna sempre tutto utile, anche quello che abbiamo odiato fare. Rimarrai sorpresa! Sono contenta di poter far parte della tua crescita ed ispirazione e spero che qui troverai tante belle persone con cui confrontarti. Grazie ☺️💗